martedì 15 aprile 2014

GUIDA AL RICAMO

Il ricamo è un’antichissima arte che si tramanda da secoli, e che permette di realizzare lavori che non risentono i cambiamenti di mode e di costumi e, per questo, sono sempre attuali e ricompensano all’infinito chi li ha eseguiti con passione ed abilità.

Qui tratterò gli elementi basiliari da conoscere per ottenere capi perfetti. Si comincia dall’occorrente, che comprende i filati e gli accessori, per passare poi all’uso del telaio, alla scelta dei tessuti ed al taglio corretto degli stessi per la realizzazione di preziosi capi per la casa.
Un capitolo importante è quello che insegna ad orli eseguire orli e ricami su sfilatura.

 L’OCCORRENTE
L’occorrente per eseguire ricami perfetti  lo dividiamo in due sezioni: i filati e gli accessori. Nei post successivi troverete indicazioni che vi aiuteranno a scegliere il filato e che più si adatta al tessuto ed al ricamo che desiderate realizzare. Inoltre troverete un elenco di accessori per ricamare nel modo più corretto e una guida alla scelta del tessuto. 

I filati
Un ruolo importante nel ricamo spetta ai filati: devono essere di ottima qualità e adatti al tessuto su cui si deve ricamare. La vasta gamma esistente in commercio permette di adattarli ai diversi tessuti e consente un’ampia scelta al fine di far risaltare le varie tecniche.

Cotone Mouliné
Cotone Perle n° 8

Diversi per misura e specie, con crune sottili o grosse, gli aghi devono essere di misura adatta al tessuto da ricamare e al filato stesso. La cruna deve essere sufficientemente larga per far scorrere il filo senza logorarlo.

 Le forbici
Le forbici adatte al ricamo sono piccole e ben affilate. Peril ricamo a intaglio sono in commercio particolari tipi di forbici con lame molto sottili per tagliare il tessuto sottostante le barrette

E’ una barretta di osso o di metallo ben appuntita da un lato, usata per fare fori. E’ indispensabile per il ricamo a puntoinglese




Il salvadito  –  L’infila-aghi
Il salvadito è un accessorio che si infila sull’indice della mano sinistra per proteggerlo dall’ago. L’infila aghi è un arnese con un cappio di metallo molto flessibile e resistente che serve appunto per estrarre dalla cruna dell’ago il filo. Si usa solitamente per aghi e filati molto sottili.

E’ un piccolo strumento che aiuta a proteggere il dito della mano destra e aiuta il passaggio dell’ago ne tessuto. In genere si utilizza quello in acciaio o in materiale sintetico molto duro.


Di varie misure e materiale, il telaio per il ricamo classico è formato da 2 cerchi che si incastrano uno nell’altro in modo da tenere il tessuto ben teso. E indispensabile nell’esecuzione di alcuni punti quali il punto raso, il punto pieno e i punti di fondo.

Gli schemi
Sono il supporto fondamentale per il ricamo a fili contati come per il punto a croce. Gli schemi, costruiti su un fondo quadrettato, sono la chiave di lettura di questo ricamo: ogni quadretto dello schema corrisponde a un punto croce, lavorato su un dato numero di fili, e a un colore. Ogni schema sara completato dalla legenda dei colori.

I decalcabili
Sono fogli sensibili al calore su cui vengono stampati i disegni per ricami da lavorare non a fili contati: il disegno viene trasferito su tessuto con la stiratura.

Come si usa il telaio
La funzione del telaio e quella di tendere la tela su cui ricamare in modo da facilitare l’esecuzione di alcuni punti.
1.    Sovrapporre il cerchio più grande a uello più piccolo inserendo tra i due il tessuto disegnato. Stringere molto bene la vite e con le mani tirare la parte di tessuto esterna al cerchio in modo che risulti ben teso.
2.    Iniziare il ricamo eseguendo i punti indicati avendo l’accortezza di usare gugliate non troppo lunghe per evitare che il filo, per le eccessive entrate e uscite dal tessuto, si attorcigli e perda brillantezza e consistenza.
3.    Quando il tessuto da ricamare è molto sottile o delicato, prima di metterlo nel telaio appoggiare sopra un pezzo di tela o di carta velina. Mettere quindi il tessuto a telaio e tagliare la tela o strappare la carta quanto basta per scoprire la zona da  ricamare.

Come trasferire il disegno sul tessuto
Il sistema per riportare  il disegno è quello di usare il foglio decalcabile. Nel caso Iil foglio decalcabile non fosse più utilizzabile, potete riportare il disegno sul tessuto con il metodo della foratura o con carta ricalco. Tale carta esiste in commercio nei colori bianco e blu. Quest’ultima adatta per i tessuti più scuri. E da evitare la normale carta copiativa che trasferisce sul tessuto un eccessivo strato di inchiostro, molto resistente al lavaggio; nel caso la si dovesse utilizzare, è necessario passare la parte copiativa con un batuffolo di cotone in modo da togliere l’eccesso di inchiostratura.
Per  ottenere buoni risultati è necessario:
ü  Stirare molto bene il tessuto
ü  Determinare il centro del disegno che si deve riportare tracciando con una matita due perpendicolari che passino esattamente per il centro
ü  Stabilire sul tessuto l’esatta posizione in cui si vorrà riportare il disegno.

 Riporto dei disegni con il foglio decalcabile
1.    Appogiare il decalcabile con la parte appoggiata sul tessuto avendo l’accortezza di far combaciare una delle due perpendicolari segnate sul diritto filo del tessuto
2.    Stirare premendo il ferro sul tessuto, senza trascinarlo, per alcuni secondi seguendo le istruzioni per la temperatura del ferro e il tempo di pressione necessario. Non usare mai il vapore del ferro.

Riporto dei disegni  con il metodo della foratura
1.    Appoggiare il foglio con il disegno su un supporto rigido e passare tutti i contorni con un grosso ago o un punteruolo.
2.    Appuntare il disegno cosi forato sul tessuto e con l’aiuto dell’apposito tampone passare la polvere di pomice sui forellini: la polvere di pomice si trova in commercio nei negozi per articoli da ricamo.
3.    Toglere a questo punto la carta e la polvere in eccesso, quindi con un a matita ripassare i contorni del motivo. Fissare con un ferro da stiro caldo.

Riporto dei disegni con il metodo del ricalco

Inserire la carta da ricalco con il lato del  carbone verso il tessuto, fra il disegno posizionato correttamente e il tessuto ben stirato, ripassando con una matita ben appuntita tutti i contorni del disegno.




Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...